Il sogno americano di Luigi Diotaiuti

Luigi Diotaiuti
Luigi Diotaiuti

[i-Italy] Nato e cresciuto a Lagonegro, un paesino nel sud Italia, lo chef Luigi è arrivato in America per caso e si è stabilito a Washington, D.C., in un momento in cui la città non era certo un luogo entusiasmante in cui lavorare per un ristoratore. “Quando ho visto cosa offrivano i ristoranti di questa città, ho capito che potevo fare molto di più”, ci racconta Luigi. E infatti lo ha fatto!


Sei nato nella piccola città del sud Italia di Lagonegro, in Basilicata. Cosa ricordi dell’ultimo giorno nella tua città natale prima di emigrare? E qual è la prima cosa che ricordi dell’America?

|Ricordo in particolare che mamma e papà mi portarono a Sapri per prendere il treno, e fu probabilmente l’unica volta che mi portarono davvero da qualche parte. È stato così bello e spontaneo, è stata una bellissima giornata. Era il marzo del 1989. Non mi dispiace perché me ne sono andato, ma adesso mi sento di più per la Basilicata. Penso di fare di più per la regione ora che se fossi ancora lì. Il mio obiettivo è promuovere la Basilicata nel mondo. Questo è molto importante per me. Ho fondato un’organizzazione senza scopo di lucro a casa chiamata Basilicata: A Way of Living per trovare le vecchie tradizioni, le cose sulla Basilicata che il mondo dovrebbe conoscere e proteggerle per una nuova generazione.


Chef Luigi Diotaiuti

Sei uno chef molto famoso. Sognavi di diventarlo da bambino?
Non so di un sogno, ma so che ho sempre voluto aiutare mia madre e in un’occasione stavo tagliando i peperoni cercando di imitare lei e come faceva le fettuccine. Mentre tagliavo i peperoni ho detto: “Mamma, ti stavo preparando le mie fettuccine!” Crescendo in una fattoria, le uniche cose che compravamo erano zucchero, caffè e sale. Siamo cresciuti o abbiamo realizzato tutto il resto.

Hai studiato all’istituto culinario di Maratea e poi lavorato in Italia e altrove in Europa, ma hai detto che sei arrivato in America per caso. Come sei arrivato a Washington?

Penso che Washington abbia scelto me. La gente chiamava per chiedermi di lavorare con loro. Perché una volta raggiunto un certo livello, il lavoro ti chiamerà. Durante quel periodo, alla fine degli anni ’80, qualcuno a Washington chiamò alla ricerca di uno chef, chiedendomi di trovare qualcuno. Nessuno chef voleva venire a lavorare negli Stati Uniti allora, e nemmeno io. Il posto caldo era l’Italia, poi Spagna, Francia, Svizzera, Londra. Oggi tutti vogliono venire negli Stati Uniti. Il mio contatto non è mai riuscito a trovare uno chef e due settimane dopo mi ha chiesto di venire. Sei mesi dopo ero qui. Washington è stata davvero scioccante perché non conoscevo la lingua e nessuno sapeva che stavo arrivando.


Polpette di agnello al Ristorante Al Tiramisù

Quando ho visto cosa offrivano i ristoranti di Washington, ho capito che potevo fare molto di più. Stavo andando a scuola per imparare l’inglese e mi sono detto che se ci fossero stati sopravvissuti in quei tempi difficili, io sarei stato uno di loro. Stavo per farcela! Mi sono reso conto, sai, c’era un tale bisogno di buon cibo e che avrei dovuto vedere se potevo fare di meglio. Mi sono ripromesso che se non avessi aperto un’attività in proprio entro cinque anni, sarei tornato in Italia. Sono riuscito ad aprire Al Tiramisù in tre anni e mezzo.

Perché l’hai chiamato Al Tiramisù?

Allora il tiramisù non era un dolce famoso. Volevo un nome positivo per il mio ristorante. Ho dibattuto tra Girasole, che significa girasole, e Tiramisù, dato che sono entrambi positivi e divertenti. Tiramisù significa tirarmi su di morale. Penso che l’atmosfera di Al Tiramisu sia un pacchetto completo. È piccola, solo diciotto tavoli, una trattoria classica ed elegante dove va la gente del posto perché c’è una bella atmosfera con cibo serio. Questo è ciò che ho creato in DC. Quando entri, ti senti come se fossi in Italia: la musica, il colore, l’arredamento e, cosa più importante, il cibo. Tutti lavorano per assicurarsi che il cibo sia perfetto, fresco, gustoso e una specie di abbraccio. Questo è il nostro segreto.


Chef Luigi Diotaiuti e Chef Amy Riolo

Come sei finito nell’American Chef Corps della Casa Bianca?
Il gruppo è stato creato da Hillary Clinton quando era Segretario di Stato per usare il cibo per la diplomazia. Come si dice, a tavola si invecchia mai e non si litiga mai. Credo che il Corpo abbia circa ottantacinque chef in tutti gli Stati Uniti in questo momento. Mi sento onorato e orgoglioso, perché penso di essere l’unico membro nativo italiano.

Dopo tutti questi anni a Washington, pensi di aver contribuito all’educazione degli americani alla cucina italiana?
Assolutamente! Ricordo i giorni in cui la gente chiedeva cosa fosse la rucola, o il finocchio. All’inizio passavo più tempo in sala a presentare i nostri prodotti speciali, come le sarde. Ricordo quando il branzino e l’orata arrivavano dall’Italia solo il martedì. Ora, sono sette giorni su sette. Negli ultimi dieci anni siamo stati colpiti da uno tsunami alimentare, una rivoluzione alimentare.


Gnocchi al formaggio

You are well known and loved in the Italian American community in Washington. How did you meet the community at NIAF?

Sei molto conosciuto e amato nella comunità italoamericana di Washington. Come hai incontrato la community della NIAF?
Ebbene, dovunque c’è l’Italia, dovunque c’è la mia Basilicata, io sono in prima fila. Questa è una delle grandi associazioni di italoamericani e sono orgoglioso di farne parte. Sostengo molti eventi della NIAF, come il gala. Ho fatto grandi eventi in passato, tra cui uno per promuovere la cultura, la cucina e il vino della Calabria. Penso che John Viola abbia iniziato una nuova direzione di cui sono un grande fan. Ispirerà più giovani con un approccio diverso e li avvicinerà alla National Italian American Foundation. Penso che stia facendo un ottimo lavoro.

Quando andrai in pensione tornerai in Italia e aprirai un ristorante?

Vabbè, tornerò di sicuro, ma non so se aprire un ristorante!

Concludiamo la nostra conversazione con una domanda molto delicata per uno chef: qual è il tuo piatto italiano preferito?

Questa è una buona domanda perché ho un problema: mi piacciono tutti i tipi di cibo e si vede! Ma come fa a non piacermi la pasta? In particolare mi piace la pasta e fagioli, fatta in casa, perché è uno dei miei ricordi culinari più antichi. Accanto al nostro camino c’era una pentola di terracotta piena di fagioli che cuocevano tutto il giorno, e quando tornavo a casa affamato da scuola, prendevo il pane e lo intingevo dentro.

Al Tiramisù: The Book
Un viaggio culinario interculturale dalla Basilicata a Washington, D.C.

Lo chef Luigi ha pubblicato il libro di cucina del ristorante Al tiramisu nel dicembre 2013. Scritto insieme alla pluripremiata autrice Amy riolo, questa raccolta unica di oltre 100 deliziose ricette rivela la storia di Al tiramisu, il ristorante italiano “più autentico” di Washington, DC, come così come la storia della vita dello chef/proprietario Luigi Diotaiuti. il libro dà il benvenuto ai lettori ad Al tiramisù, condividendo ricordi e piatti preferiti sia di commensali famosi che di clienti affezionati. Lo chef Luigi conduce quindi un tour culinario nella sua terra natale, la Basilicata, in Italia (dove è stato recentemente insignito dell’Ambasciatore della Cucina della Basilicata nel mondo dalla Federazione dei Cuochi Italiani) e condivide i segreti di alcuni dei migliori ristoranti di tutto il mondo dove ha iniziato la sua carriera. il capitolo finale delinea la vita dello chef in America e include ricette che ha servito alla James Beard Foundation e in luoghi culinari interculturali su entrambe le sponde dell’Atlantico. ogni ricetta amata rappresenta lo stile di cucina italiana “elevato” di Al tiramisù e presenta un consiglio di cucina italiana e un abbinamento di vini.

Al Tiramisu Restaurant
2014 P St NW, Washington, DC 20036

Clicca qui per vedere l’intervista che Ottorino Cappelli ha fatto allo Chef Luigi Diotiaiuti.

This interview is part of the TV series ‘Italian Leadership in America,’ a co-production of i-Italy and the National Italian American Foundation.

Questa intervista fa parte della serie TV “Italian Leadership in America”, una coproduzione di i-Italy e della National Italian American Foundation.

Lascia un commento